mi chiamo Evilane, ho 19 anni e proveró a raccontare il mio cammino di vita in questa lettera aperta.
Fin da piccola, ricordo mia madre raccontando di Suor Giuliana e del suo arrivo nella nostra Comunitá, una suora che camminava con i poveri, nelle case piú semplici, una Missionaria che voleva transformare la favela Vila Garibaldi in una comunitá attiva che attraverso la scuola potesse debellare l’analfabetismo e la denutrizione offrendo opportunitá di Vita concrete per i giovani.

La lista di attesa era grande, ma finalmente quando ho compiuto tre anni mia madre é riuscita ad iscrivere me e i miei due fratelli all’Asilo Suor Giuliana Galli: la mia classe all’epoca si chiamava Jardim 1 (oggi si chiama Sala Madre Teresa) e il mio sentimento quando entravo a scuola era simile a quello di entrare in un’oasi incantata, accogliente e sempre allegra, cosí diversa dalla realtá dura e triste della favela… basta guardare questa foto scattata all’Asilo Suor Giuliana Galli (tra mia sorella e la mia maestra):

I miei sentimenti di affetto e riconoscenza alle maestre e agli italiani che spesso visitavano l’Asilo Suor Giuliana Galli sono cresciuti col passare degli anni.

Un momento molto speciale che non dimenticheró mai é il passaggio dall’Asilo alle Scuole Elementari Suor Giuliana Galli, qui in Brasile si chiama Festa da Alfabetização: da questo momento in poi il mio vincolo affettivo con Suor Giuliana e le scuole da lei fondate é diventato indissolubile, permettendomi di partecipare a numerose attivitá nel doposcuola tra cui la Scuola di Danza, il Corso di Artigianato Solidario e le lezioni di Informatica.

Un altro progetto notevole per il mio sviluppo personale é stato il Progetto del Coro Suor Giuliana Galli con la professoressa Emiliana che oltre a insegnare le basi della musica e organizzava presentazioni nelle scuole, nei centri culturali e in strada per coinvolgere le famiglie della favela :
Piú tardi, attraverso attivitá e incentivi culturali le Scuole Medie Suor Giuliana Galli mi hanno trasmesso una gran voglia di imparare e preparmi per il futuro non solo per il mio bene e successo personale, ma soprattutto per lo sviluppo di tutta la Comunitá intorno a me.

Uno degli strumenti scolastici piú significativi per me é stata la Biblioteca Attiva, numerosi erano i progetti di incentivo alla lettura, attivitá teatrali contagiose e concorsi scolastici a premi per i lettori o scrittori piú promettenti: cosí, poco a poco, é nata in me la voglia di studiare e con grandi sforzi all’etá di 17 anni sono riuscita a superare i difficili esami nazionali (ENEM) in anticipo di un anno rispetto ai miei coetanei ed ottenere l’ingresso alla prestigiosa Universitá Federale del Ceará [NDT. UFC é una universitá pubblica, gratuita e con standard internazionali] dove attualmente studio nel corso di BIBLIOTECONOMIA.
Non dimenticheró mai quando ho partecipato al Concorso Statale di messaggi natalizi 2010: io ero la rappresentante delle Scuole Suor Giuliana tra centinaia di scuole di tutto lo stato del Ceará. Ho vinto il primo premio al concorso e mi hanno regalato il mio primo computer.

Dopo aver terminato le Scuole Medie, ho continuato gli studi in una scuola pubblica molto lontana ma non ho perso il contatto con le Scuole Suor Giuliana Galli e sono entrata a far parte del Progetto Aiutanti di Classe nel doposcuola, a contatto con i professori ho capito e fatto mia la pedagogia delle Scuole Suor Giuliana, aiutando come volontaria durante tre anni nelle numerose attivitá scolastiche e extrascolastiche :

  • 11 anni alunna nelle Scuole Suor Giuliana Galli;
  • in seguito 3 anni come volontaria nel doposcuola;
  • poi 1 anno participando come apprendista e borsista;
  • OGGI sono funzionaria delle Scuole Suor Giuliana Galli alla mattina e studio all’universitá il pomeriggio e la sera.

Cari amici e amiche italiani, guardando indietro a questi sedici anni in compagnia delle Scuole Suor Giuliana posso affermare con orgoglio che ho imparato a leggere, a scrivere, a suonare, cantare e perfino danzare. Ho conosciuto l’Arte e la Tecnologia ma poi ho capito che gli strumenti piú importanti e potenti son quelli che non si vedono, ma si sentono dentro: l’Amore verso il prossimo puó
trasformarci e fare la differenza in questo mondo. La solidarietá e la compassione possono cambiare una favela o
persino un’intera grande cittá come Fortaleza: esattamente come fate Voi padrini e madrine italiani ogni volta che donate, regalando un cammino di Vita ad un bimbo della favela Garibaldi attraverso un’adozione a distanza.

Mancano ancora 3 anni prima di terminare l’universitá, ma spesso sogno il momento in cui potró lavorare in una biblioteca, incentivando gli alunni verso la lettura e la conoscenza, cosí come han fatto con me alle Scuole Suor Giuliana Galli, nella speranza di cancellare la parola favela da tutti i libri, farla scomparire da tutte le biblioteche.

Abraços de todo coração,
Evilane Lima
Fortaleza, 16 Marzo 2016.